Pays partenaires :

accueil site > Erasmus+ partenariato > Cammini del Blu in Europa > Incontri transnazionali > San Quirico d’Orcia, 22-25 ottobre 2017. Quinto incontro transnazionale del (...)

San Quirico d’Orcia, 22-25 ottobre 2017. Quinto incontro transnazionale del partenariato strategico Erasmus + "Cammini blu in Europa"
lunedì 30 Ottobre 2017
Version imprimable de cet article Versione stampabile

JPEG Dopo due anni di lavoro per il progetto Erasmus finalmente è arrivato il momento della mobilità di San Quirico. Si attendono i partner con gioia, orgogliosi di far visitare la nostra terra di Val d’Orcia ed esporre i lavori eseguiti negli atelier del progetto.

La sera dell’accoglienza è domenica e la festa è maggiore quando nel pomeriggio a intervalli irregolari arrivano gli ospiti. Al ristorante Il Barbarossa il primo saluto con gli auguri di un buon riposo e arrivederci alla mattina successiva.

I l lunedi è giornata di lavoro intenso, inizio dei lavori alle ore 9 nella sala del Consiglio in Palazzo Chigi. Aline Rutily ha introdotto i lavori con una relazione sull’ avanzamento delle fiches che ciascun partner ha realizzato. C’è stato poi l’intervento di saluto del Sindaco Valeria Agnelli, che ha espresso la soddisfazione della comunità di San Quirico per la partecipazione della Fondazione Tagliolini al progetto “ Il percorso del blu in Europa” e ha porto il benvenuto agli ospiti.

JPEG

Gli alunni, gli insegnanti e i genitori delle scuole primarie di San Quirico e Castiglione d’Orcia hanno dato il benvenuto cantando alcune canzoni ispirate al colore blu, appositamente preparate per un’accoglienza frizzante e allegra.

JPEG

Nella sale del palazzo Chigi erano esposte le ceramiche prodotte, su modelli originali del 1700, dai disabili della coop Riuscita Sociale di Siena. In una saletta attigua si potevano osservare le ceramiche e i disegni fatti dagli allievi delle scuole primarie di Castiglione e San Quirico d’Orcia.

JPEG

Al piano superiore del Palazzo, in una sede allestita per esposizioni, sono stati visitati i quadri ispirati al blu dipinti dagli allievi dell’accademia di Belle Arti di Firenze diretti dal Mastro Carlo Pizzichini. Nelle stesse sale c’erano anche i bozzetti in materiali diversi, dal marmo al bronzo, all’acrilico alla terra cotta, ispirati al mito del Ratto d’Europa, fatti dagli allievi dell’Accademia di Carrara, guidati dal mastro Piergiorgio Balocchi.

JPEG JPEG

Le delegazioni sono poi uscite dal palazzo Chigi per una breve visita del centro storico, la Collegiata, il corso con la Via Francigena, la piazza e l’ingesso negli Horti Leonini con visita all’esposizione Forme nel Verde sulla Francigena 2017”. Quest’anno l’esposizione aveva come tema il Giardino d’Europa, raffigurato da una cascata d’acqua, rappresentata da sacchetti di plastica blu riempiti di materiali di scarto che scendeva dalla scalinata degli Horti per portare la vita agli animali, reali o mitologici rappresentati dai giovani allievi dell’Accademia di Carrara sotto la direzione di Simonetta Baldini e Gaia Pasi. Le tre mostre sono state presentate con un catalogo stampato e citate da diversi articoli sulla stampa regionale e nazionale.

JPEG

Un pranzo veloce e via verso Pienza, città del rinascimento, del Rossellino e di papa Pio II, per essere ricevuti dal Sindaco nella scuola primaria alla presenza di allievi, insegnanti e genitori.

JPEG

Qui la presentazione degli elaborati prodotti: quadri con fiori recisi , disegni fatti con colori estratti dai fiori, erbari con piante raccolte nella campagna, disegni su piastre di vetro, abiti e scenografie della rappresentazione teatrale sul blu scritta e rappresentata dagli stessi allievi. Una festa conclusa da canti gioiosi dei giovani entusiasti di potersi esibire di fronte a una platea internazionale. Al rientro a San Quirico ancora del tempo dedicato alle istruzioni di Aline Rutily e infine trasferimento a Bagno Vignoni per una visita notturna e cena vicino alla piazza d’acqua termale.

Martedi partenza per Siena, città d’arte e del Palio. Ritrovo a San Domenico, breve visita e spiegazione dei colori delle bandiere del palio, poi percorrendo le strade della città si arriva in piazza del Duomo, l’antico Spedale della Scala è chiuso e si entra in Duomo ammirando i mosaici intarsiati del pavimento, ancora scoperti e visibili, poi gli affreschi della libreria Piccolomini. Percorrendo via di Città si arriva in Piazza del Campo con la maestosa Torre del Mangia ma è già tempo di pranzo nella storica Piazza del Mercato. Dopo pranzo d’obbligo la visita al Palazzo Pubblico con le sale affrescate che rappresentano gli effetti del Cattivo e del Buon Governo nella repubblica Senese. Un po’ di tempo libero per gli acquisti e ritorno a San Quirico per definire il programma dei lavori per i prossimi incontri: la conclusione delle fiches e la produzione dei testi e delle foto per il libro virtuale.

La mattina del 25, in un clima da ultimo giorno di scuola, i saluti delle delegazioni che partono e l’arrivederci a marzo per l’incontro di Granada.

Paolo Naldi, directeur de la fondation Tagliolini, San Quirico d’Orcia, IT

Commenti
    Non vi sono commenti

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Un messaggio, un commento?
  • (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

Chi sei? (opzionale)