Pays partenaires :

accueil site > Schede pedagogiche > Schede pedagogiche > Scuola elementari > A Giverny, dall’esplorazione sensoriale ai taccuini di parole

A Giverny, dall’esplorazione sensoriale ai taccuini di parole
martedì 11 Novembre 2008
Version imprimable de cet article Versione stampabile

JPEG PROGETTO

Sviluppare una “tavolozza di parole" a partire dall’esplorazione sensoriale del giardino di Claude Monet a Giverny

OBIETTIVI

- Contribuire ad una migliore padronanza della lingua: motivare la scrittura verbale e arricchire il lessico relativo al giardino, in particolare quello dei colori.
- Imparare a "leggere" il giardino di Claude Monet, tra piantagione e pittura.

COMPETENZE

- Saper usare strumenti per tradurre le proprie percezioni
- Conoscere l’approccio di Claude Monet in relazione al giardino
- Saper scrivere, arricchire un elenco di parole e trarne vantaggio.

JPEGMATERIALE

Specchi, cornici, taccuini e matite, macchine fotografiche

RIFERIMENTI CULTURALI

- (Vedi sitoteca - biblioteca virtuale)
- Il giardino di Claude Monet a Giverny
- I taccuini di giardino di Aline Rutily, artista plastico che ha seguito l’insegnante e degli alunni

SVOLGIMENTO DELLE SEQUENZE

- Esplorazione sensoriale

Con specchi e cornici, i bambini sono invitati, in gruppi di due, ad esplorare il giardino, la sua struttura, i suoi colori, annotando successivamente le parole che vengono loro in mente.

Diversi momenti di raggruppamenti collettivi sono proposti: Davanti alla casa: osservare la veduta d’insieme del Clos Normand, la sua concezione classica “alla francese?: i viali lo tagliano in linee dritte che costruiscono una visibile ed ordinata struttura.

Fare una “tavolozza di parole di colori? per “dare nome? al giardino, a partire dalla profusione, la varietà e la vivacità dei colori delle piante durante le stagioni. Raccogliere i nomi delle piante – per lo più campestri e comuni- a partire dalle indicazioni disponibili nel giardino: - Nel Giardino di acqua, a differenza del Clos Normand, essere consapevole di tutto ciò che è asimmetrico, esotico, molto legato ai paesaggi giapponesi raccolti dall’artista e visibile nella sua casa: assenza di visione prospettivista classica – Una visione globalizzante organizzata a partire da un punto di vista centrale -, presenza di piante e di piccoli ponti giapponesi - Divenire consapevole del giardino creato come un dipinto vivente, ha una importanza fondamentale nella opera del pittore: ci si trova ciò che caratterizza l’arte di Claude Monet: il passare del tempo, lo spazio in espansione, la fusione dei colori e la fluidità delle forme … che si ritrova nelle sue prime serie di ninfee e nelle famose "Decorazioni" del Museo de l’Orangerie a Parigi.

-  Classificazione delle parole attraverso i colori: rosa, blu, viola … Esempio per il rosa: trasparente, slavato, sbiadito, sbiancato, pallido, latteo, cremoso, vellutato, infanzia, negozio, caramelle, marmorizzato, fucsia, rossastro, intenso, infinito, sognato, arzillo, gocciolante, appiccicoso, palpabile …

- Il taccuino delle parole nello spazio: lettura da parte dei bambini delle loro parole, in un area selezionata del giardino. L’appropriazione del giardino si svolge attraverso il linguaggio verbale gestuale.

JPEG

SVILUPPI SUCCESSIVI

Gli alunni elaborano in classe un "taccuino collettivo di parole" che potranno usare per costruire dei testi.

Gli alunni sono, in questo modo, motivati a scoprire l’opera di Claude Monet, in particolare la serie delle ninfee e delle Decorazioni del Musée de l’Orangerie (cfr. sitoteca).

JPEG

VALUTAZIONE

Si misura con la capacità
- Di arricchire il lessico del giardino, ed utilizzarlo nei testi.
- Di "leggere" il giardino di Claude Monet, le sue varie parti, i suoi legami con l’approccio del pittore.


Aline Rutily, artista visivo Saint Germain en Laye FR.

Commenti
    Non vi sono commenti

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Un messaggio, un commento?
  • (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

Chi sei? (opzionale)